Minorenne estradato in Italia. Persuaso da un pedofilo, abusava del fratellino

Scritto da Elisa Fugazzotto giorno 2 novembre 2017
Minorenne estradato in Italia. Persuaso da un pedofilo, abusava del fratellino

Abusava da mesi del fratellino di dieci anni meno. Persuaso da un pedofilo seriale conosciuto su internet, mascherato dietro falso profilo. Raggiunto in Gran Bretagna da un ordine di arresto europeo, il minorenne comasco verrà estradato in Italia dove risponderà dei reati commessi

Pensava di chattare con un’affascinante ragazzina di 17 anni e invece dietro lo schermo si nascondeva un pedofilo seriale di 40 anni. A giorni un minorenne comasco, raggiunto in Gran Bretagna da un ordine di arresto europeo, verrà estradato in Italia. Il ragazzo dovrà rispondere di reati di violenza sessuale su minore, atti sessuali con minore e divulgazione di materiale pedo-pornografico. A subire gli abusi il fratellino più piccolo.

Tutto è iniziato con una richiesta di amicizia sui social. Il 40 enne con già precedenti, adescava sui social le giovani vittime, prettamente di sesso maschile spacciandosi per una ragazza. L’uomo li seduceva e poi, una volta ottenuta la loro fiducia, li convinceva a filmarsi in atteggiamenti particolari e successivamente inviarglieli. Così ha agito con il ragazzo comasco. Con quest’ultimo però l’uomo è riuscito ad andare oltre.

Infatti, ha convinto il minorenne a coinvolgere il fratello più piccolo di 10 anni. Il giovane, convinto di soddisfare le richieste di una bella e giovane ragazzina, ha abusato per mesi del fratellino. L’uomo è stato arrestato lo scorso luglio per detenzione di materiale pedo-pornografico. Proprio attraverso l’analisi dei dispositivi sequestrati, la polizia postale di Verona, è riusciti a risalire alla triste vicenda dei due fratellini.

Trasferitosi in Gran Bretagna, adesso verrà estradato in Italia
Da mesi il minorenne si era trasferito in Gran Bretagna con tutta la famiglia. Raggiunto da un ordine di arresto europeo verrà estradato presto in Italia dove dovrà rispondere dei reati commessi.

Lascia un commento